Mensole in quadrato per il Viko 23

un poco di pazienza per ricavare ancora tanto spazio

20200321_154325

Il Viko nasce con l’essenziale al suo interno e questo lascia spazio alla iniziativa di chi lo possiede.

20190413_gavone10Dopo aver aperto un vano enorme nel gavone di poppa con accesso dal bagno e aver inserito un bel ripiano illuminato nell’armadio della cucina, ora inseriamo due bellissime mensole in quadrato sopra gli schienali delle sedute. (essendo stati illuminati, il gavone e il ripiano sono nella sezione “Impianto elettrico, frigo e accessori”).

Le dimensioni sono di tutto rispetto; si tratta di recuperare spazio inutilizzato per una lunghezza di un metro e mezzo su un lato e di 130 cm sul lato opposto. Nei punti più larghi si arriva ad avere 25 cm di profondità quindi tanto spazio per depositare cibi che devono rimanere arieggiati (ad esempio frutta o verdura) oppure semplicemente per libri, riviste, vestiti o altro di uso frequente. Prevediamo una sponda di 10 cm per fermare ogni oggetto.

Per il legno va benissimo il compensato marino Okoume di spessore 1 cm. Una tavola tagliata di 160 cm per 80 cm. Si deve poi pensare al carteggio, verniciatura, staffe e collante

20200106_191110

In barca nulla è dritto o in squadra, lo abbiamo appurato con i lavori già fatti e, anche qui, è necessario lavorare con il cartone per creare le sagome delle dimensioni corrette. Con un seghetto alternativo taglieremo poi il compensato facendo attenzione ad usare una lama con i denti rivolti verso l’alto per evitare di scheggiare il laminato dalla parte che sarà più visibile.

Il compensato deve poi essere levigato prima con carta a grana media (150/200) e poi una grana fine (1000 o poco meno). Si va poi in barca per un primo test effettuando gli inevitabili aggiustamenti direttamente sul posto.

La verniciatura è stata eseguita con tre mani di impregnante e flatting lasciando asciugare tra una mano e la successiva almeno due giorni in modo da poter carteggiare le rugosità prima della mano definitiva.

Il prodotto è un ottimo 2 in 1 color rovere all’acqua. Niente solventi. Leggermente più chiaro del legno originale di Kairos ma, coprendo bene ad ogni mano, si riesce a scurire quanto si desidera.

Per le sponde utilizzo delle squadre di metallo brunito molto ampie in modo che offrano un sostegno attivo in caso ci si appoggi involontariamente con le mani. Le squadre vengono incollate ed avvitate. La sponda è a sua volta incollata sul piano per tutta la lunghezza. Uso viti autofilettanti di 11 mm, ne serviranno 70, 10 per ogni squadra.

Verso la parete della barca, non potendo avvitare e non volendo inserire longheroni di supporto che andrebbero a inficiare il piano d’appoggio, incollo del velcro che andrà ad aggrapparsi saldamente alla moquette di cui sono rivestite le pareti della barca. Ritaglio poi dell’antiscivolo fissato con del biadesivo per bloccare tutto durante la navigazione.

Il fissaggio in barca non è da sottovalutare…. dopo aver pensato a spessori, spalle di legno, squadre, tasselli ecc… ho scelto di usare 12 squadrette rovesciate con autofilettanti di 1,5 cm. Una volta fissato tutto la struttura è risultata solidissima anche appoggiandosi pesantemente.

Come spesso mi capita, si fanno migliaia di foto durante gli anni per poi accorgersi che quel dato particolare non lo hai mai ripreso. Anche ora, per illustrare il “prima e dopo” sono dovuto andare a recuperare una foto del 2014 quando avevamo appena acquistato la barca. In sei anni non ne ho trovate altre.. 🙂

La verniciatura risalta la venatura del legno, il colore è risultato esattamente lo stesso dell’originale. L’effetto oltre che funzionale, è bellissimo. In una barca così piccola, aver ricavato uno spazio così ampio, verrà utilissimo per le lunghe permanenze in mare.

Questa la lista di quanto usato:

  • 1 Tavola 1,280mq 80×160 spessore 1cm Okoume € 60,15 – centro OBI
  • 1 Impregnante flatting all’acqua mezzo litro Rovere Syntilor € 14 – centro OBI
  • 1 pennello da 50
  • 7 squadre di lato 50*60mm spessore 1mm
  • 12 squadrette da ~15mm di lato con viti da 15mm
  • 70 viti 10mm
  • 1 adesivo gel B-7000 50ml  – colla industriale multiuso presa su Amazon qui
  • due set di carta vetrata di grana differente per sgrossatura e finitura

Indicativamente il costo totale del materiale è quindi di 90/100 euro al massimo.

Prima di continuare, contribuisci con soli 5 euro al mantenimento di questo blog. Ci vuole una struttura informatica e centinaia di ore di lavoro e di ricerca per continuare a condividere queste informazioni. In omaggio riceverai via mail il file pdf con raccolto il diario di bordo impaginato e con informazioni aggiuntive oltre a quanto già pubblicato. Clicca sul pulsante qui sotto o leggi con il tuo telefono il QR code per proseguire nella donazione. Grazie da Monica e Luca

donazione

dona 5 euro per il blog

Codice QR

»

  1. Andrea Conte ha detto:

    Bel lavoro complimenti, io ho un Viko S22 e dovrei farlo anche io per recuperare spazio.

    Piace a 1 persona

  2. Francesco ha detto:

    Grande Luca!! Se mi riesce provo a fare lo stesso lavoro sul mio viso 23 . 🙂

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...